Il "Chianti Classico"

La fama del vino prodotto nel territorio del Chianti si perde nei tempi e, come tutto quello che riscuote successo, ha lasciato lungo la sua strada leggende e curiosità sulla sua origine e tradizione. Il "Gallo Nero", simbolo del Chianti e del suo vino, del consorzio che rappresenta la maggior parte dei produttori, nasce sullo sfondo della contesa tra i Comuni di Firenze e Siena per il possesso del territorio della vera zona del Chianti. Vera zona del Chianti, perchè genericamente si chiama Chianti anche il vino prodotto in altri comprensori toscani, che ha per base il Sangiovese.
Questo fatto portò nel 1716 il Granduca di Toscana, Cosimo III, ad affidare ad un bando la delimitazione dei confini del Chianti Classico, primo documento a valore legale al mondo che definisca una zona di produzione vinicola.Tale bando non fu sufficiente, in quanto la produzione di falso Chianti continuò a proliferare, fino a quando, il 14 maggio del 1924, a Radda in Chianti, un gruppo di viticoltori si riunì per dare vita ad un organismo che difendesse e valorizzasse la propria produzione. Nacque il "Consorzio per la difesa del vino Chianti e della sua Marca", che nel corso degli anni ha cambiato più volte nome, fino all'attuale "Consorzio del Marchio Storico", mantenendo sempre come sua immagine e attestato di qualità il famosissimo marchio del Gallo Nero.
Le origini di questo simbolo si possono ritrovare in una leggenda che narra delle rivalità tra i Comuni di Firenze e Siena, dovute alla contesa per il possesso del territorio chiantigiano, nel periodo medievale. Per porre fine a questa guerriglia interminabile e senza risparmi di sangue, i due comuni decisero di affidare la definizione dei propri confini ad una prova tra due cavalieri, uno con i colori di Firenze ed uno con i colori di Siena. Tale confine sarebbe stato fissato nel punto dove i due cavalieri si fossero incontrati partendo all'alba dalle rispettive città, al canto del gallo. I senesi allevarono e rimpinzarono di cibo il loro gallo bianco, convinti che all'alba questo avrebbe cantato più forte, mentre i fiorentini scelsero un gallo nero che lasciarono quasi completamente a digiuno. Il giorno fatidico, il gallo nero fiorentino, morso dalla fame, spalancò l'ugula e cominciò a cantare prima ancora che il sole fosse sorto, mentre quello bianco, senese, era ancora gonfio di cibo.
Il cavaliere fiorentino, svegliato di buon ora dal suo gallo, si mise subito al galoppo, percorrendo così più strada del suo rivale: quasi tutto il territorio del Chianti fu quindi annesso alla Repubblica gigliata. Leggenda o meno, la Lega del Chianti, autentica alleanza militare, creata dalla repubblica fiorentina, per unire le popolazioni dei villaggi chiantigiani in difesa delle loro terre, il cui primo statuto risale al 1384, scelse come emblema il Gallo Nero in campo oro.
Circa un secolo dopo, diminuiti i pericoli di guerre ed invasioni, la Lega si dedicò ai problemi del vino, individuando i migliori vitigni da coltivare, le norme di vinificazione e stabilendo tutta una serie di regole per il Chianti Classico, tra le quali l'obbligo di vendemmiare al momento adatto e quello di imbottigliare il Chianti Classico Gallo Nero all'interno del territorio di produzione. Grandi, medi e piccoli produttori, cantine sociali e industriali sono, oggi, tutti uniti nel rispetto delle regole che il consorzio impone.

La Lega del Chianti
Le Leghe erano antiche unità amministrative in cui la Repubblica Fiorentina divise nel 1250 il proprio territorio, dipendevano da Firenze a cui dovevano un obbligo di difesa in caso di difficoltà, obbligo esteso anche alle altre leghe. Radda fu capoluogo della lega dal 1384,anno a cui risale il più antico statuto della Lega del Chianti, e mantenne questo titolo fino al 1774, quando il Granduca Pietro Leopoldo abolì le "Leghe", sostituendovi le Comunità. Sono trascorsi quasi due secoli e la Lega è risorta nel Chianti Classico, conservando l'antico simbolo del territorio e del suo vino: il galletto nero in campo d'oro. I "Legati" e le "Dame della Lega del Chianti" hanno come motto "Vita tua vita mea" (la mia vita è la tua vita).Con l'investitura i membri si impegnano a valorizzare il vino Chianti, ad essere buongustai,e a compiere almeno una buona azione l'anno. La loro rivista "Il Gallo Nero" divulga le iniziative, le manifestazioni,le attività della Lega a tutti coloro che sono interessati al Chianti ed alla sua gente.

Commenti

Post più popolari