venerdì 15 novembre 2013

Il Fiorino - Storia, aneddoti e curiosità di una grande moneta


I Fiorentini del medioevo, persone affabili, lucide e scaltre, intrattenevano le loro relazioni umane e commerciali con diversi regnanti degli stati confinanti e con ogni sede commerciale conosciuta nel mondo. I Fiorentini, aiutati dalla loro geniale intuizione e operosità, divennero ricchi commercianti e astuti banchieri e con l'abilità del governo Guelfo, di stampo popolare e democratico, riuscirono a mantenere per lungo tempo il primato politico, economico, commerciale e monetario in Italia.
ACQUISTALO QUI
La storia della moneta dei Fiorentini non può essere indifferente a chi ama Firenze. La nuova moneta d’oro era il motore della vita stessa del popolo repubblicano. Un popolo operoso, che unito a quello di sapienti Magistrati, degli Ufficiali, di grandi letterati e lungimiranti politici, amministrava la città come un’unica patria.
Firenze era altresì difesa da valorosi uomini della guerra e la cittadinanza era assai felice di partecipare alla protezione del successo mercantile e finanziario, partecipe delle vittorie di conquista e orgogliosa di avere cittadini valorosi che proteggevano la città.
I fiorentini di oggi si sentiranno fieri della storia dei loro antenati, la gloriosa storia della Repubblica fiorentina. Quei fiorentini maestri nel commercio e nella gestione economico finanziaria dei patrimoni, nonché della colonizzazione di interi territori, oltre che con il commercio di prodotti elaborati, con l’invasione monetaria di tutti i mercati italiani ed esteri. Una colonizzazione economico-finanziaria attraverso la loro moneta, il Fiorino d’oro, la moneta di Firenze.
Il libro è la prima monografia realizzata sulla moneta fiorentina del rinascimento. Tutti i fiorentini leggendo questo libro potranno prendere coscienza di cosa è stata e di cos’è, la città nella quale sono nati o nella quale vivono. Attraverso uno dei simboli più importanti di Firenze, per mezzo della moneta più amata e simbolica, potremmo conoscere un bellissimo frammento della città più bella del mondo.
Il libro affronta in maniera divulgativa tutti gli aspetti legati al Fiorino analizzandone gli aspetti dell'espansione monetaria all'estero, i dettagli del conio, della storia dei personaggi e delle maestranze che lavoravano alla Zecca, l'Arte del Cambio, il problema dell'Usura e le Leggi Suntuarie, il Monte comune e il Monte di Pietà, il Suggello e il Fiorino immaginario fino a descrivere come la moneta ha influito sulle scelte politiche e delle guerre d'espansione della Repubblica fiorentina con tanti aneddoti e curiosità del periodo. Un'appendice ci descrive l'esperienza di Paolo Penko, Maestro di Arte Orafa che ha realizzato i conii per la battitura del Fiorino d'oro come si faceva un tempo.
Un libro da leggere con parsimonia, godendo ogni momento della gloriosa storia della moneta più bella del mondo!

Il Fiorino di Filippo Giovannelli
AB Edizioni - Firenze
IBAN  978 88 909165 1 9
novembre 2013

Buona lettura!

giovedì 7 novembre 2013

I primi vocabolari delle lingue europee

Se si dovesse indicare la nascita di una lingua dalla prima edizione del vocabolario la lingua italiana non avrebbe rivali, ma tutti sappiamo che non è così. La nostra fiorentinissima Accademia della Crusca è in ogni caso una delle prime ad avere mandato alle stampe il proprio vocabolario.
Il primo "Vocabolario degli Accademici della Crusca con tre indici delle voci, locuzioni, e proverbi Latini, e greci, posti per entro l'opera, ecc... ecc..."
Riporto di seguito i frontespizi di alcune prime edizioni di vocabolari di lingue europee:

Questo il frontespizio della prima edizione del Vocabolario della Crusca spampato a Venezia nel 1612.
Questo il frontespizio della prima edizione del Dizionario dell'Accademia Francese spampato a Parigi nel 1635.
Questo il frontespizio della prima edizione del Dizionario della lingua inglese spampato a Londra nel 1786.

Questo il frontespizio della prima edizione del Vocabolario della lingua tedesca spampato a Lipsia nel 1854.

Di fronte a questo "primato" non rimane altro che ringraziare i nostri antenati accademici fiorentini per aver iniziato un percorso permanente di studi ed averlo indirizzato verso il futuro.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...