lunedì 24 maggio 2010

Tiziano Terzani, fiorentino "del "mondo...(seconda parte)

Ha veramente “girato il mondo”. Ha vissuto nelle più grandi città dell’Asia, come Tokio, Hong Kong, Nuova Delhi, Pechino e viaggiato in moltissime città e zone dell’Asia più piccole ma non meno importanti per le vicende storico-politiche e filosofico-culturali delle quali scriveva.
A Pechino viene addirittura arrestato e dopo un mese espulso dal paese, per “attività controrivoluzionarie”, nel libro Pelle di leopardo. Diario vietnamita di un corrispondente di guerra 1972-1973 si può cominciare ad avere un’idea delle esperienze di Terzani in Asia e anche attraverso i suoi articoli pubblicati sui giornali si ripercorre una vita intera al servizio della divulgazione.
Un’altra opera importante è Un indovino mi disse, dove descrive un viaggio durato un’intero anno attraverso numerosi paesi dell'Asia, seguendo le indicazioni e alcuni avvertimenti dati da un indovino, senza mai prendere l’aereo come mezzo di trasporto.
Fra i primi corrispondenti a tornare a Phnom Penh dopo l'intervento vietnamita in Cambogia, scrive Holocaust in Kambodscha.
Nel libro Lettere contro la guerra, dopo gli attentati dell'11 settembre 2001 si contrappone alle tesi della scrittrice, anch’essa fiorentina, Oriana Fallaci.
Nel 2002 inizia il "pellegrinaggio di pace" attraverso scuole e incontri pubblici appoggiando la causa di Emergency "Fuori l'Italia dalla guerra" insieme a Gino Strada.
Tiziano Terzani, nel periodo delle sue corrispondenze e delle pubblicazioni dei suoi libri, non era molto conosciuto in Italia. Lavorando principalmente per il Der Spiegel, i suoi scritti non venivano letti nella sua nazione.
Oggi possiamo considerarlo come uno dei migliori scrittori di viaggi del ventesimo secolo, senza tralasciare tutto il lavoro di cronista da zone del mondo che proprio in quel periodo, come adesso, hanno la necessità di essere ascoltati. Grande ricercatore della verità, approfondiva minuziosamente le proprie ricerche su avvenimenti di uomini, protagonisti, compagni di viaggio fisici e spirituali.
Il suo percorso di vita, di conoscenza e di predisposizione culturale all’alternativo, lo pone in seguito ad avvicinarsi, sempre con lo spirito di giornalista e scrittore, alla moderna medicina ed anche alla medicina alternativa, nel frattempo era divenuto vegetariano, in particolare quella asiatica, soprattutto quando sopraggiunge la sua malattia che lo porterà successivamente alla morte.
Il suo tumore all’intestino viene affrontato e descritto nel libro "Un altro giro di giostra".
Lui dice “Viaggiare era sempre stato per me un modo di vivere e ora avevo preso la malattia come un altro viaggio”. Muore il 28 luglio 2004 ad Orsigna, sull'Appennino tosco-emiliano in provincia di Pistoia.
Questi alcuni suoi scritti:
Pelle di leopardo. Diario vietnamita di un corrispondente di guerra 1972-1973 - Giai Phong! La liberazione di Saigon - La porta proibita - Buonanotte, signor Lenin - Un indovino mi disse - Lettere contro la guerra - Un altro giro di giostra - La fine è il mio inizio, opera postuma.
Disse: "la mia vita è stata un giro di giostra, sono stato incredibilmente fortunato e sono cambiato tantissimo", ripercorrendo gradualmente la sua vita, questa affermazione diventa emblematica del carattere e del temperamento di Tiziano Terzani.
Firenze è una città che anche ai nostri tempi regala all’Italia ed al mondo personaggi di alta levatura morale, culturale, artistica e filosofica. L’apprezzamento dei “nostri” fiorentini potrà essere contemporaneo o riscoperto nel corso degli anni, forse dei secoli, ma rimane sicuro che il nostro genio, era ed è, un fondamentale contributo allo sviluppo del genere umano.

domenica 16 maggio 2010

Scoppia la Repubblica Fiorentina


La seconda repubblica fiorentina Il 16 maggio 1527 scoppia a Firenze una violenta rivolta contro la famiglia Medici, che viene estromessa dal potere ed espulsa dalla città, che si costituisce nuovamente in repubblica. Nel corso del XV° secolo Firenze era stata nominalmente una repubblica, ma le leve del potere erano rimaste saldamente nelle mani della famiglia Medici fino al 1494, quando Piero de Medici, figlio di Lorenzo il Magnifico era stato rovesciato da una rivolta popolare, e la repubblica guidata da Girolamo Savonarola. La casata medicea era stata poi nuovamente imposta nel 1512, grazie alle truppe spagnole. Il 16 maggio 1527 vede la fazione democratica e repubblicana di Firenze prendere il potere, ma solo tre anni dopo, con un nuovo aiuto spagnolo, i Medici torneranno ad essere i signori di Firenze, duchi ereditari dal 1537 e granduchi di Toscana dal 1569.

mercoledì 12 maggio 2010

Nasce oggi Florence Nightingale

Florence Nightingale nasce a Firenze il 12 maggio 1820, è stata una infermiera, la prima infermiera che ha esercitato in maniera professionale. Conosciuta come La signora con la lanterna per la sua dedizione ai malati, visitandoli anche durante la notte al lume di una lanterna appunto. È considerata la fondatrice del nursing moderno in quanto fu la prima ad applicare il metodo scientifico all'assistenza infermieristica attraverso l'utilizzo della statistica. Inoltre, è importante poiché propose un'organizzazione degli ospedali da campo.
Nacque in una famiglia molto benestante (a Firenze) e facente parte dell'élite borghese britannica (il padre fu un pioniere dell'epidemiologia, il nonno materno era l'abolizionista William Smith); fu chiamata Florence in onore di Firenze (Florence in inglese), la città dove era nata, a Villa Colombaia. La famiglia possedeva una tenuta nel Derbyshire e risiedeva normalmente nel Buckinghamshire.

mercoledì 5 maggio 2010

Ricordo di Gino Bartali


È il 5 maggio del 2000 quando, a Firenze, a 86 anni, si spegne una delle grandi leggende del ciclismo italiano: Gino Bartali. Nato nel 1914 a Ponte a Ema (FI) aveva iniziato la sua carriera nel mondo del ciclismo professionistico nel 1935 conquistando il titolo di campione d'Italia. La sua carriera è durata fino al 1954, e ha collezionato una serie imporessionante di vittorie, due Tour de France: 1938, 1948; 3 Giri d'Italia: 1936, 1937, 1946; 4 Milano-Sanremo: 1939, 1940, 1947, 1950; 3 Giri di Lombardia: 1936, 1939, 1940, e molte altre ancora. Uomo burbero ma schietto, chiamato Ginettaccio dagli amici, è stato un vero campione del ciclismo eroico ne gli anni caratterizzati dalla corretta rivalità tra lui e Coppi. Su Bartali e le sue imprese (la più nota è la vittoria al Tour del 48 "richiesta" da De Gasperi dopo l'attentato a Togliatti) sono stati scritti libri, articoli e canzoni, come quella di Paolo Conte.

lunedì 3 maggio 2010

Nasce oggi Niccolò Machiavelli


Diplomatico, uomo politico, storico, grandissimo teorico della politica Niccolò Machiavelli, nasce a Firenze il 3 maggio del 1469. Il suo pensiero - sia sulla "ragion di stato" che sulle costituzioni repubblicane - è stato immensamente influente nella storia del pensiero politico. Ricoprì diverse cariche pubbliche nella repubblica fiorentina e svolse delicate missioni diplomatiche in Francia (1504, 1510-11), presso la Santa Sede (1506) e la corte imperiale di Germania (1507-1508), che gli diedero la possibilità di conoscere varie forme di governo. Tutto questo portò alla stesura della sua opera più famosa, "Il Principe" (s critto negli anni 1513-14, ma pubblicato nel 1532), nel quale sono definite le qualità necessarie a un principe per conquistare e conservare uno stato, e per ottenere il rispetto dei sudditi. La fama di Machiavelli è soprattuto legata al "Principe" ma la sua vera opera politica sono "I Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio", che hanno segnato la storia delle repubblicanesimo, e le cui teorie risuonano ancora nella costituzione degli Stati Uniti. Negli ultimi anni della sua vita si ritirò nella sua proprietà a Sant'Andrea, in val di Pesa. Morì il 21 giugno del 1527.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...