Quando la "Gioconda" di Leonardo da Vinci fu ritrovata a Firenze

Era l’11 dicembre del lontano 1913. Alcuni anni prima il ritratto di Monna Lisa del Giocondo era stata trafugata dal Museo del Louvre.
In un piccolo albergo fiorentino venne ritrovata la tela, rubata da Vincenzo Peruggia, un immigrato italiano dal sicuro cognome storpiato (una g di troppo), che aveva lavorato per il museo e certamente era a conoscenza delle protezioni istallate a tutela del dipinto. Era il 21 agosto 1911 di lunedì quando il Museo del Louvre era chiuso che la tela fu trafugata.
A Firenze un antiquario fiorentino, Alfredo Geri, ricevette una proposta di acquisto e fissò un incontro in un albergo con il ladro. Portò con se il direttore degli Uffizi di allora, Giovanni Poggi, che autenticò il dipinto e con una scusa lo prese con se portandolo agli Uffizi.
Il giorno successivo Peruggia venne arrestato.
Ecco perché a 100 anni dal ritrovamento di uno dei capolavori più grandi di Leonardo da Vinci è bene ricordare questa storia fiorentina.

© Filippo Giovannelli - Riproduzione riservata

Commenti

Post più popolari