Dante Alighieri si faceva le “Canne”

Questa è una curiosità storica, ma avviene oggi che qualcuno vuole intervenire sulle capacità linguistiche e fantasiose, dandone un’interpretazione artificiosa, di Dante Alighieri, vanto della fiorentinità e dell’Italia intera. Barbara Raynolds (93 anni) su un suo recente libro e sui quotidiani di questi giorni, sostiene che Dante fumava “Cannabis” e poi fantasticava sulla "Divina Commedia”.
Smentite e ridicolizzazioni da parte di vari professori emeriti di altrettante Università italiane; da Ignazio Bardelli della Sapienza di Roma, Enrico Malato direttore della rivista “Studi Danteschi”, Luca Serrianni dell'Università La Sapienza di Roma e accademico della Crusca, Vittorio Sermonti celebre divulgatore dell'opera di Dante Alighieri.
Però Dante è sempre Dante!

Commenti

  1. Beh, basterebbe provare a fare "come Dante", allora, e vedere cosa ne esce... (ma non mi risulta che qualcuno abbia mai realizzato qualcosa di grandioso come lui, fumando canne!!)

    RispondiElimina
  2. Secondo me, Alighieri aveva fumato cannabis e mescalina: da questa malsana abitudine è nata la visione della Divina Commedia. Oh yeah Dante il "fattone"huahahahaaha

    RispondiElimina
  3. Molti pittori hanno fatto uso di droghe per ispirazione come per esempio Picasso non ctredo sia strano pensare che dante facesse uso di droghe per avere ispirazione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari