martedì 22 luglio 2008

AD 1532 - La fine della Repubblica Fiorentina

L'anno 1532 è stato un anno di fondamentale importanza per la città di Firenze, uno di quegli anni in cui cade un mito per la nascita di una nuova realtà.
In questo caso la Repubblica Fiorentina, dopo l'assedio e l'entrata a Firenze delle truppe imperiali, decade per lasciare il posto al Principato.
Partiamo però dall'anno 1931, anno in cui Donato Giannotti scrive il suo trattato sulla Repubblica Fiorentina e quando il 5 luglio 1531 Alessandro de' Medici rientra a Firenze.
Il giorno successivo, nel Salone dei Cinquecento, avviene la lettura del rescritto imperiale di Carlo V del 28 ottobre 1530.
Rientrato Alessandro a Firenze, inizia un processo di trasformazione politica ed amministrativa nella gestione della città e del contado.
Riforma delle istituzioni della Repubblica Riorentina e istituzione del principato;
Abolizione della distinzione delle Arti in Maggiori e Minori;
Creazione del Consiglio dei Dugento e del Senato dei Quarantotto;
Elezione di Alessandro dei Medici a Duca della Repubblica Fiorentina.

Nel susseguirsi delle riforme pubbliche, anche qualche cambiamenti privato fu in auge, come ad esempio il duca Alessandro che il 1 maggio 1532 lascia il palazzo di famiglia, va a sentire messa a S. Giovanni e prende possesso del Palazzo della Signoria.

Un anno da "dimenticare" per i sostenitori della Repubblica, Piero Soderini avrà pianto su queste riforme, e un anno glorioso per i sostenitori dei Medici come signori assoluti della Firenze rinascimentale, senza considerare che, benchè repubblica, la famiglia del Mugello aveva una fondamentale e strategica influenza anche nel secolo precedente.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...