lunedì 14 luglio 2008

Quattrocento - Tentativo di romanzo

L'ho ricevuto in regalo e in questi giorni di vacanza non potevo che leggere questo "tentativo" di voler romanzare la nostra bella città ed il rinascimento.
Leggere una storia ambientata a Firenze è bellissimo quando si scorgono i luoghi nei quali si svolgono le scene, quando si individuano i particolari di una chiesa o di un palazzo storico.
Susana Fortes, l'autrice, non si è particolarmente esaltata, anzi ha confuso i nomi delle vie, le ha addirittura ricollocate, a volte, in luoghi assurdi.
Ha mescolato l'attualità con la storia, ha fatto riferimenti a volte improponibili, ma non mi sento di bocciarlo completamente, è stata infine una lettura piacevole.
Su Firenze dovrebbero scrivere i fiorentini...(o sono troppo campanilista?)

Riporto sotto la copertina:
Firenze, aprile 1478. Sono giorni terribili, quelli che seguono il fallimento della congiura ordita dalla famiglia Pazzi contro i Medici. Firenze è assetata di sangue, decisa a punire con la tortura o con la morte chiunque abbia partecipato alla cospirazione. Al sicuro nel suo palazzo, Lorenzo il Magnifico viene a sapere dei cadaveri gettati in Arno, delle decapitazioni, dei linciaggi. È la città intera che vendica la morte di suo fratello Giuliano e che si consegna nelle sue mani, rendendolo potente come non mai. Però Lorenzo non sa che i fili di quella congiura sono stati tirati da personaggi molto più influenti della famiglia Pazzi. E ignora di essere lui stesso un semplice burattino nelle mani della Storia...
Firenze, oggi. Sono in pochi a conoscere Pierpaolo Masoni, pittore rinascimentale dallo stile e dall'animo tormentato. E Ana Sotomayor, dottoranda in storia dell'arte, è arrivata a Firenze proprio per capire qualcosa di più su questo oscuro personaggio, che esercita su di lei un fascino singolare. Le sue appassionate ricerche si appuntano su uno dei quadri più controversi di Masoni, in restauro nei laboratori degli Uffizi, e su una serie di quaderni in cui il pittore racconta nei dettagli la propria esistenza e le vicende che hanno segnato la storia di Firenze alla fine del XV secolo, tra cui la congiura dei Pazzi. D'un tratto, però, Ana diventa oggetto di minacce e ricatti e si ritrova a temere per la propria vita e per quella delle persone a lei care. È chiaro che, nell'esistenza di Masoni, ci sono più misteri di quanti lei avesse immaginato. E che quei misteri, a distanza di oltre cinquecento anni, non devono comunque essere svelati...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...