Siamo oggi al 533 anniversario dalla congiura dei Pazzi

Domenica 26 aprile 1478, durante una messa nel Duomo di Firenze, scatta la trappola organizzata da alcuni membri della potente famiglia fiorentina dei Pazzi, per stroncare l'egemonia dei Medici sulla città: Giuliano de 'Medici cade ucciso dalle pugnalate, suo fratello Lorenzo deve lottare aspramente prima di rifugiarsi nella sacrestia. Sostenuti dal papa Sisto IV e da una fitta rete di alleanze, i Pazzi, una volta eliminati fisicamente i membri più in vista della famiglia Medici, contavano di sollevare contro di loro la popolazione fiorentina. Ma la reazione popolare è favorevole ai Medici. In poche ore la maggior parte dei congiurati penzolano impiccati dalle finestre di Palazzo della Signoria.
Ancora una volta la famiglia Pazzi entra prepotentemente nella storia di Firenze. Dopo Pazzino comandante delle truppe fiorentine alla prima crociata, anche i suoi discendenti cercano, questa volta invano, di ribaltare un regime.

Commenti

Post più popolari