mercoledì 2 aprile 2008

Anche il "Pesce d'Aprile" è nato a Firenze..

Incredibile scoprire che le feste, le tradizioni popolari, gli atteggiamenti, i comportamenti quotidiani e della tradizione nazionale e europea hanno una base storico-leggendaria che si riferisce a Firenze.
Un tale Buoncompagno da Firenze, un giorno di primavera annunciò pubblicamente al popolo bolognese che avrebbe, con un apparecchio di propria invenzione, sorvolato la città. In un'affluenza di pubblico in pubblica piazza, invana fu l'attesa di questo uccello volante che mai si presentò. E' cos' che il primo pesce d'aprile ebbe il suo inventore, e solo Dio sa quanto ai fiorentini piace scherzare!
Uno dei pesci d'aprile più clamorosi della storia è stato organizzato a Firenze verso la fine dell'800. Precisamente nel mese di marzo del 1878 la stampa del periodo annunciò che a Firenze soggiunse e si fermò un principe indiano (un monumento ricorda l'evento alle Cascine). Si annunciò la morte e che il 1° aprile, proprio alle Cascine, si sarebbe svolta la cerimonia tradizionale indiana della cremazione del ricco principe e che questa sarebbe stata pubblica. I fiorentini curiosi per natura, affluirono in gran numero sul luogo e vi si formò un grande assembramento, ma del Maraja Indiano nemmeno l'ombra.
Dopo una lunga attesa e lo spazientimento della gente, un gruppetto di ragazzi passeggiando con aria indifferente, cantavano con voce altisonante: "Pesci d’Arno fritti!".
Quella volta i fiorentini furono ben scanzonati, e zitti zitti se ne tornarono a casa...
Al parco pubblico delle Cascine, si concluse quindi la sfortunata vicenda di Chuttraputti, un rajah indiano che morì durante un viaggio di ritorno da Londra. Il Monumento dell'Indiano, il Ponte all'Indiano sono toponimi che il Comune di Firenze ha voluto anche a ricordo di questi eventi.
Dopo la beffa un riconoscimento al personaggio.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...