venerdì 14 gennaio 2011

VISIBILIARS, DENTRO E FUORI L’IMMAGINE

Ho partecipato volentieri al Vernissage del 13 gennaio 2011 per l'evento "Adotta un artista".
“Adotta un artista”… Quando Arte e Marketing si fondono, fino al 27 gennaio 2011 al Complesso Ex Carcere Le Murate, Piazza Madonna della Neve, sale delle vetrate.
Il titolo della manifestazione è VISIBILIARS, DENTRO E FUORI L’IMMAGINE ed è curato da Valerio Dehò per HEYART, l'evento è patrocinato dal Comune di Firenze.
E' un connubio perfetto di arte e marketing rivolto alle aziende toscane, e non, che intendono promuovere la loro attività commerciale e al contempo sostenere un artista emergente. “Adotta un artista” è un esempio unico di alleanza nel rapporto tra arte e impresa per un’ iniziativa che ha un triplice obiettivo: Promuovere e sostenere la comunicazione dell’immagine delle aziende, promuovere il lavoro degli artisti, accrescere l’apprezzamento della cultura contemporanea sul territorio. Un “contenitore” che prevede tre fasi di realizzazione legate a tre espressioni artistiche diverse: fotografia, pittura e scultura. Ad ogni fase partecipano otto aziende e otto artisti, per un totale complessivo di 32 artisti “adottati” dalle rispettive aziende, che per un anno saranno a disposizione delle stesse, ai fini di una collaborazione per la creazione, o al rinnovamento, dell’immagine aziendale, al rinnovamento di una linea di prodotti, del marchio, del sito, della comunicazione visiva dell’azienda, ecc..
Abbiamo sentito il curatore Valerio Dehò insegnante di Estetica presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, personaggio di spicco nell'ambito dell'arte che ci spiegava il rapporto tra i fotografi e la fotografia con le aziende che sono state associate in questa occasione; un nuovo rapporto con il mecenatismo, un rapporto futuro di disponibilità degli artisti nei confronti di aziende propense a finanziare l'arte.
Gli artisti, in questo caso fotografi, ma nelle prossime edizioni saranno pittori e scultori, non hanno un preciso rapporto con l'azienda alla quale sono stati associati, non è una scelta sociopolitica, è un nuovo modo di mettere in contatto l'arte con le aziende, un nuovo modo di mettere in contatto Arte e Marketing.
Particolarmente interessante il lavoro di Roya Amini, iraniana che ha completato il suo percorso di studi a Teheran e poi trasferita a Firenze. Si nota particolarmente la differenza espressiva, la condizione della donna nella semplicità della vita vissuta. Interessanti sono i contenitori in cui rinchiude le donne, nei loro gesti quotidiani. Espressioni intime, sicure, al riparo da imposizioni, la libertà immortalata in un'immagine. 
Promotrice dell'evento l'Associazione Hey art. Associazione culturale costituita da artisti, storici dell’arte e addetti ai lavori, il cui intento è quello di dare spazio ai nuovi talenti emergenti, in un’ottica di valorizzazione del panorama culturale e artistico. Heyart nasce e s’inserisce come trait d’ union tra l’artista e il pubblico, proponendosi come luogo d’incontro e aggregazione nel nome d’ interessi culturali.
www.heyart.it
www.gianlucarosucci.it

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...