Ripropongo il "Lampredotto"

Il “Lampredotto” è uno dei quattro stomaci dei bovini (abomaso), quello più grossolano, che viene cotto a lungo (lesso) in acqua con pomodori, cipolla, prezzemolo, sedano, sale e pepe e altre spezie che non è dato sapere, segreto di ogni buon cuoco.

Si mangia come un normale bollito, condito con salsa verde, sale e pepe in piatto o in una vaschetta, o alla maniera più amata dai fiorentini, ossia tagliato a pezzetti come ripieno di un panino toscano non salato, sempre condito con salsa verde, sale e pepe.



Il panino con il lampredotto lo si può mangiare dai vari chioschi dislocati nei più affollati luoghi di Firenze insieme ad altre specialità fiorentine di cucina povera e antica.

Il “lampredottaio” è una figura storica delle strade fiorentine, ci si chiama per nome e ti danno subito confidenza anche scambiando battute alla “fiorentina”!!

Esistono anche ristoranti o osterie che offrono questo tipo di cucina che ha come base alcune delle frattaglie della macellazione.

Commenti

Post più popolari